logo

È stata la “prima volta” per molti

Durante le elezioni di midterm statunitensi diverse "minoranze" sono state elette per la prima volta nella storia americana

Keystone
Alexandra Ocasio-Cortez, la più giovane americana ad entrare in Congresso, al seggio elettorale
 
07
novembre
2018
07:55
Red. Online

NEW YORK - Nelle elezioni di metà mandato di questa notte, negli Stati Uniti, hanno vinto un po' tutti. Dai democratici che dopo otto anni hanno ripreso il controllo della Camera a Donald Trump che ha evitato "l'ondata blu" e mantenuto la maggioranza repubblicana al Senato. Ma tra i vincitori di questa notte ci sono anche tante "minoranze" che, per la prima volta, sono state elette ad una delle cariche più importanti del Paese. Tutte tra le fila dei Democratici. 

A cominciare da Alexandra Ocasio-Cortez (eletta nel suo distretto per la Camera nello stato di New York) che a soli 29 anni questa notte è diventata la più giovane della storia americana a entrare in Congresso. Questa notte sono inoltre state elette le prime due donne musulmane in Congresso: Rashida Tlaib, figlia di immigrati dalla Palestina, è stata eletta nel suo distretto in Michigan, mentre Ilhan Omar ha vinto in Minnesota. 

Durante le elezioni di Midterm è inoltre stata eletta Sharice Davids (Kansas), prima donna nativo-americana ad entrare in Congresso. Infine il democratico Jared Polis, vincendo in Colorado, è diventato il primo governatore gay dichiarato di uno stato americano.

Edizione del 14 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top