logo

Giro di vite sulla sicurezza, il Senato approva il decreto

Il provvedimento è stato accolto con 163 voti favorevoli e 59 contrari - Per i richiedenti l'asilo che delinquono sospensione della domanda di protezione e obbligo di lasciare l'Italia

Ferrari
Successo per il Governo Conte.
 
07
novembre
2018
17:09
Red. Online

ROMA - Luce verde, quest'oggi al Senato, al decreto sicurezza, che è stato accolto con 163 voti favorevoli e 59 contrari. Un provvedimento-bandiera che impone una stretta in particolare sul diritto d'asilo per i migranti. Il decreto, che è stato approvato con il voto di fiducia, ora passa al vaglio della Camera. Cinque rappresentanti del Movimento 5 Stelle hanno disertato l'aula: Gregorio De Falco, Paola Nugnes, Elena Fattori, Matteo Mantero e Virginia La Mura.

Ecco, in sintesi, in cosa consiste il provvedimento. Si va dall'abrogazione del permesso di soggiorno per motivi umanitari (sostituito da permessi speciali temporanei, prolungati per motivi sanitari) all'allungamento da 3 a 6 mesi del trattenimento nei Centri per i rimpatri; dalla possibilità di trattenere gli stranieri da espellere anche in strutture della pubblica sicurezza, in caso di indisponibilità dei Centri di permanenza per il rimpatrio (Cpr), alla possibilità di revocare la cittadinanza italiana per terrorismo.

Nel maxiemendamento che ha sostituito il testo ci sono novità tra l'altro sulla videosorveglianza, gli sgomberi degli immobili occupati abusivamente, il Fondo per la sicurezza urbana, l'utilizzo dei droni. Il procuratore antimafia userà la polizia penitenziarie per raccogliere informazioni nelle carceri.

Ma il fulcro è sui richiedenti asilo: per quelli che compiono gravi reati è prevista la sospensione dell'esame della domanda di protezione ed è possibile l'obbligo di lasciare il territorio nazionale. In caso di condanna in primo grado è previsto che il questore ne dia tempestiva comunicazione alla Commissione territoriale competente, "che provvede nell'immediatezza all'audizione dell'interessato e adotta contestuale decisione".

Il decreto riserva esclusivamente ai titolari di protezione internazionale e ai minori non accompagnati i progetti di integrazione ed inclusione sociale previsti dallo Sprar (Sistema protezione e richiedenti asilo e rifugiati). Questi ultimi, la cosiddetta accoglienza diffusa nei Comuni, sono ridimensionati. I richiedenti asilo troveranno invece accoglienza nei Cara.

Ci sono poi tutta una serie di altre misure, dal taser (la pistola elettrica) anche ai vigili urbani alla stretta sui noleggi di auto e furgoni per evitare che vengano usati dai jihadisti contro la folla, come avvenuto a Nizza, Londra e Berlino.

Inoltre un Daspo urbano (divieto di accesso ad alcune aree) più severo. Si stanziano quasi 360 milioni fino al 2025 per "contingenti e straordinarie esigenze" di Polizia e Vigili del Fuoco "per l'acquisto e potenziamento dei sistemi informativi per il contrasto del terrorismo internazionale", compreso il rafforzamento dei nuclei Nbcr (nucleare, biologico, chimico e radiologico). Dei 360 milioni, 267 sono per la pubblica sicurezza e 92 per i pompieri.

I Comuni con più di 100 mila abitanti potranno dotare 2 poliziotti municipali di taser in via sperimentale per un periodo di sei mesi. I poliziotti locali, inoltre, se "addetti ai servizi di polizia stradale" e "in possesso della qualifica di agente di pubblica sicurezza" possono accedere al Centro elaborazione dati (Ced) delle forze di polizia.

Il decreto amplia le zone dove può scattare il Daspo urbano, includendo i "presidi sanitari" le zone di particolare interesse turistico, le "aree destinate allo svolgimento di fiere, mercati pubblici spettacoli".

Previsto anche il Daspo (la sigla sta per Divieto di Accedere alle manifestazioni SPOrtive ma ha assunto il significato più generico di "bando" o "esclusione", "divieto") per coloro che sono indiziati per reati di terrorismo e una stretta sulle occupazioni.

I blocchi stradali tornano ad essere sanzionati penalmente e non più in via amministrativa. E ancora, l'utilizzo del braccialetto elettronico sarà possibile anche nei confronti degli imputati dei reati di maltrattamento in famiglia e stalking.

Infine il potenziamento dell'Agenzia per i beni confiscati. Il provvedimento estende di ulteriori 70 unità la pianta organica ed individua le aziende confiscate "di rilevante interesse socio-economico" che necessitano di supporto per il proseguimento dell'attività.

Edizione del 14 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top