logo

Premio sportivo ticinese a Elena Roos

Per l'élite premiata giustamente la nazionale rossocrociata dell'orientamento - Fra le speranze primeggia il nuotatore Noè Ponti - LE FOTO

 
05
novembre
2018
22:03
Red Sport

LUGANO -  Questa sera, al Palazzo dei Congressi di Lugano, sono stati premiati gli sportivi ticinesi dell'anno per il 2018. Per quel che riguarda l'élite, le preferenze di pubblico e della giuria neutrale alla fine hanno riconosciuto i meriti di Elena Roos, nazionale rossocrociata della corsa d'orientamento che si è illustrata conquistando titoli e medaglie agli ultimi campionati europei andati in scena in Ticino e a quelli mondiali per i quali si è gareggiato in Lettonia. Subito dietro alla Roos troviamo al secondo rango la sprinter e nazionale dell'atletica Ajla Del Ponte e al terzo Filippo Colombo, specialista della mountain-bike che pure ha già ottenuto eccellenti risultati sul piano internazionale, mettendo in cassaforte titoli sia ai campionati continentali sia a quelli iridati.

Nella categoria delle giovani speranze ha invece primeggiato il nuotatore Noè Ponti che ha lasciato al secondo posto l'orientista Elisa Bertozzi e il triatleta Sasha Caterina. Nella classifica seguono poi nell'ordine Timothy Rossetti (ginnastica artistica) e l'altra specialista della corsa d'orientamento Elena Pezzati, oltre ad altri cinque sportivi.

Sono stati inoltre assegnati altri riconoscimenti. Il Premio sport ed etica, a cura del Panathlon Lugano, è andato all'Associazione Vales della Scherma Lugano e quello denominato Sport e Andicap a Fa parte di sport insieme Mendrisiotto e Momò Dream. L'AC Bellinzona da parte sua è stata festeggiata come squadra dell'anno – premio dell'ATGS, l'Associazione ticinese dei giornalisti sportivi – e Laura Desboeufs quale volontaria per il 2018 per il suo operato ai Nationals Games di Ginevra. Il relativo premio è stato assegnato da Swiss Volunteers.

 

Edizione del 14 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top