logo

Video jihadisti su Facebook, condannato il cognato di Ümit Y.

Residente nel Luganese da un ventennio, pubblicò filmati di contenenti scene di torture ed esecuzioni sommarie

 
 
07
novembre
2018
09:59

LUGANO/BELLINZONA - Il quarantasettenne cognato di Ümit Y. – l'ex agente di Argo 1 ritenuto colpevole di proselitismo in favore del gruppo al-Nusra e accusato di aver aiutato due foreign fighter a raggiungere da Lugano le milizie dell'ISIS in Ira e in Siria – è stato condannato stamattina al Tribunale penale federale per aver condiviso sul suo profilo Facebook aperto al pubblico sei filmati contenenti atti di cruda violenza e, in un caso, a sostegno del sedicente Stato islamico.

L'uomo è stato condannato a una pena pecuniaria pari a 240 aliquote da 30 franchi l'una (sospese per due anni).

Il quarantasettenne, residente nel Luganese da un ventennio e incensurato fino ad oggi, aveva affermato di aver condiviso i video per denunciare la violenza in essa contenuti. La Corte, presieduta dal giudice Giuseppe Muschietti, ha definito i filmati (contenenti scene di torture ed esecuzioni sommarie) di una violenza tale da essere destinati a rimanere impressi in chi li guarda, nonché privi di qualsivoglia valore scientifico o culturale.
L'avvocato difensore Costantino Castelli, che aveva chiesto il proscioglimento da tutte le accuse, ha già innunciato che inoltrerà ricorso al Tribunale federale.

Prossimi Articoli

A Manno videocamere contro il traffico parassitario

Il Comune vuole posare dei lettori di targhe nel nucleo contro i furbetti della colonna – "Ci sono già i cartelli, ma sono bellamente ignorati"

Lugano, un’estrazione a sorte per le casette di Natale

Con un po’ di malumore 15 esercenti si contendono le tre postazioni gastronomiche non ancora assegnate

Per Wikipedia Philipp Plein è kosovaro

La pagina dello stilista è stata vandalizzata

Edizione del 14 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top